Direzione regionale Emilia Romagna

Ti trovi in: Home - Servizi - Modalità per le richieste di accesso alle banche dati dell’anagrafe tributaria, compreso l’archivio dei rapporti finanziari

Modalità per le richieste di accesso alle banche dati dell’anagrafe tributaria, compreso l’archivio dei rapporti finanziari

La Direzione regionale dell'Emilia-Romagna è competente a trattare le istanze, formulate ai sensi degli articoli 492-bis c.p.c, 155 quater, quinquies e sexies disp. att., di accesso alla banca dati dell’Anagrafe Tributaria, compreso l’Archivio dei rapporti finanziari, autorizzate dai Presidenti, oppure dai giudici delegati, dei Tribunali dell'Emilia-Romagna.

Le note inviate agli ordini degli Avvocati dell'Emilia-Romagna, al fine di agevolare l'utilizzo della procedura e velocizzare l'iter operativo:

PROSPETTO DI SINTESI

COME PRESENTARE L'ISTANZA

Le istanze di accesso devono essere inviate all’indirizzo di posta elettronica certificata dell'Emilia-Romagna dr.emiliaromagna.gtpec@pce.agenziaentrate.it.
Per trasmettere la documentazione è necessario inserire nell’oggetto la seguente dicitura: “Accesso alle banche dati ex art. 492-bis cpc – autorizzata dal Tribunale di _________ Avvocato _______ - RG n. ______ /Debitore”.

In alternativa, le istanze possono essere trasmesse tramite il servizio postale con raccomandata A.R. all’Agenzia delle Entrate – Direzione Regionale dell'Emilia-Romagna (via Marco Polo 60 - 40131 Bologna) o consegnate manualmente al servizio protocollo della Direzione Regionale, unitamente a fotocopia del documento di riconoscimento del difensore/incaricato munito di delega (Orari dell'Ufficio Protocollo ).

ALLEGATI

All’istanza di accesso è necessario allegare:

  • autorizzazione del Presidente del Tribunale, oppure di un suo delegato, all’accesso delle informazioni contenute nelle banche dati previste dall’art. 492-bis c.p.c. in originale, copia conforme o corredata da attestazione di conformità all'originale firmata digitalmente (estensione file "p7m");
  • istanza di autorizzazione alla ricerca dei beni ai sensi dell’articolo 492-bis presentata al Tribunale competente;
  • procura rilasciata dal creditore al legale che lo rappresenta, salvo che la stessa non risulti da altro atto eventualmente allegato (istanza presentata al Tribunale).

DATI CHE L'A-E PUO' FORNIRE

I dati di cui l’Agenzia delle Entrate è titolare e che pertanto possono essere forniti sono:

  • ultime dichiarazioni presentate disponibili;
  • certificazioni dei sostituti d’imposta per la corresponsione di redditi di lavoro dipendente o autonomo trasmesse (ultima annualità per la quale vi sono dati disponibili);
  • elenco degli atti del registro (l'ultimo decennio presente nella banca dati);
  • elenco degli istituti di credito e degli altri intermediari finanziari con i quali il debitore intrattiene rapporti finanziari (si precisa che nell’archivio dei rapporti finanziari non sono presenti dati relativi a saldi, giacenza media o singoli movimenti).

L’Agenzia delle Entrate non fornisce le informazioni di cui non è titolare, come ad esempio la proprietà di auto o natanti del soggetto debitore oppure dati previdenziali

Le informazioni ipotecarie e catastali relative agli immobili devono essere acquisite rivolgendosi direttamente agli Uffici Provinciali – Territorio.

TRIBUTI SPECIALI

Per le operazioni di ricerca, visura e rilascio di copia dei documenti è dovuto il pagamento di tributi speciali e compensi, secondo quanto previsto dalla Tabella A allegata al DPR n. 648 del 1972.

Dal 1° gennaio 2017 il pagamento dei tributi speciali potrà essere effettuato con modello F24 - codice tributo 1538 (come compilare il Modello F24 - link al sito internet dell'Agenzia ) o il contrassegno sostitutivo di File docmarche da bollo (47.00 KB) per importi non superiori ad € 25,82.

In caso di positivo riscontro della istanza di accesso, l’importo dovuto e le modalità di pagamento sono comunicati con nota separata, perché da versare anticipatamente al rilascio delle informazioni.

  Lettere agenzia

I tributi speciali non sono dovuti in caso di:

  • - recupero dei crediti professionali maturati in qualità di difensori d’ufficio
  • - controversie in materia di lavoro
  • - procedimenti relativi allo scioglimento o alla cessazione degli effetti civili del matrimonio e procedimenti esecutivi e cautelari diretti ad ottenere la corresponsione o la revisione degli assegni